Mangime per cavalli, cos’è il cibo biologico?

59
cavalli

Perché il mondo bio è così affascinante e ricco di sfumature

Mentre la maggior parte delle persone associa il “biologico” ai prodotti alimentari per il consumo umano, è un dato di fatto che mangiare “biologico” ha molti benefici per qualsiasi organismo, compresi gli animali e quindi tale discorso vale anche per il mangime per cavalli.

L’agricoltura biologica è iniziata come un metodo di agricoltura proattiva che si sforzava di ricostruire i terreni altamente mineralizzati, ricchi di materia organica e biologicamente attivi che i nostri antenati coltivavano.

Al giorno d’oggi, il “biologico” come definito dai regolamenti governativi sembra concentrarsi su ciò che non presenta al suo interno.

È bene escludere le tossine, ma forse più importante è assicurarsi che il terreno sia molto fertile e ricco di sostanza organica. Le colture cosiddette “biologiche” coltivate su suoli di fertilità marginale possono essere sia prive di tossine che di densità nutritiva ed equilibrio minerale.

È un grande vantaggio nutrire i cavalli con mangimi coltivati biologicamente che non contengono residui tossici. Anche se gli effetti negativi di queste tossine sono noti da molti anni, è solo di recente che la preoccupazione è stata applicata a specie diverse dall’uomo e agli animali da produzione alimentare.

Mangime per cavalli, occhio al glifosato

Gran parte di questa consapevolezza sembra derivare dall’emersione di problemi associati alla relativa saturazione dei terreni coltivati con l’erbicida glifosato.

Mentre il glifosato viene generalmente applicato solo al mais e ai semi di soia, si verifica un effetto di trascinamento.Le colture non trattate con glifosato ma coltivate in campi contaminati possono ancora ospitare gli effetti deleteri che interferiscono con il metabolismo minerale e riducono il valore nutritivo.

Ci sono molte prove secondo cui la contaminazione da glifosato dei mangimi per cavalli può causare una ridotta resistenza alle malattie, effetti neurologici, fallimenti riproduttivi, crescita e produzione ridotte, micotossine nel mangime e più reazioni allergiche. Il glifosato è un potente chelante e il suo effetto principale è quello di legare i minerali e renderli meno digeribili.

L’uso delle colture di glifosato non solo danneggia la salute delle piante e dei microbi del suolo, ma si traduce anche in colture foraggere tossiche e carenti dal punto di vista nutrizionale.

Il contenuto di nutrienti minerali di mangimi e foraggi può generalmente essere compensato attraverso l’integrazione di minerali ma, nonostante ciò, gli effetti tossici rimangono comunque.

L’allevamento dei cavalli oggi, le azioni da compiere

Evitare le tossine è solo una parte del lavoro da compiere. I mangimi organici sono più ricchi di proteine ​​che di fatto ​​sono più digeribili. Le vitamine naturali contenute sono più facilmente assorbite ed i minerali sono naturalmente chelati per un migliore utilizzo.

Tutti i componenti nutrizionali ottengono punteggi più alti nei mangimi biologici rispetto a quelli convenzionali. Purtroppo, l’allevamento moderno impone che i cavalli, come tutti i nostri animali domestici, siano soggetti di reclusione. Inoltre, anche i terreni e le piante non sono perfetti e le razioni possono comunque richiedere un certo livello di integrazione di minerali.

I cavalli, come la maggior parte degli erbivori, hanno una saggezza nutrizionale intrinseca che consente loro di bilanciare i loro bisogni minerali e nutrizionali individuali quando gli viene data la possibilità di scegliere.

Il proprietario del cavallo fornirà ai suoi animali una varietà di minerali separati e tracce di minerali, a scelta libera. I cavalli beneficiano enormemente dei mangimi organici. Il leggero aumento dei costi è compensato dalla minore spesa per le spese veterinarie, la cura degli zoccoli e altri articoli.