Stanchezza continua: cause e rimedi

228
stanchezza continua

Stanchezza continua: ci sono dei periodi in cui ci si sente spossati fin dal risveglio.

Ci si alza a fatica e si svolgono tutte le attività della giornata, dal lavoro alle varie commissioni, quasi trascinandosi per la stanchezza.

Questa carenza di energia si protrae fino alle ore serali, tanto che nelle giornate peggiori si decide anche di rinunciare ad eventuali appuntamenti, aperitivi o cene con gli amici, partite a calcetto e tutto ciò che possa comportare un dispendio in termini di energie fisiche e mentali.

La continua stanchezza può rappresentare davvero un grosso problema, specie se continua, ed è per questo che bisogna anzitutto indagare a fondo sulle cause per capire come porre rimedio.

Attenzione all’alimentazione

A volte capita di sentirsi eccessivamente stanchi.

In genere, alla stanchezza cronica si accompagnano anche dei sintomi come dolori muscolari, sonno irregolare e disturbato, problematiche intestinali, irritabilità, confusione mentale e irritabilità.

Quando questo quadro assume la definizione di “cronico”, urge intervenire per non rischiare di compromettere la propria vita e non far sì che questa condizione diventi invalidante.

La stanchezza cronica può quindi dipendere da diversi fattori, sia fisici che psicologici.

Ad esempio, una dieta troppo eccessiva può comportare la riduzione nell’assunzione di elementi fondamentali per il nostro organismo (pensiamo a vegetariani e vegani), ma anche una scarsa attività fisica può contribuire a farci sentire sempre stanchi, così come la presenza di alcune patologie (diabete, tiroide).

Stanchezza continua cause?

Il problema, come detto, può essere determinato anche da cause di natura psicologica, come le forti preoccupazioni a lavoro o le problematiche familiari, un periodo di grosso stress, la depressione e l’insonnia: molto spesso tutti questi fattori sono anche collegati tra loro, come continua stanchezza e sonnolenza.

Ecco perché prima di tutto è opportuno lavorare su diagnosi “differenziali”, che vadano ad escludere condizioni organiche (malattie, ecc.) e anche problemi che fanno riferimento alla sfera mentale.

La stanchezza cronica va curata soprattutto cambiando stile di vita, a cominciare dall’alimentazione, che deve essere caratterizzata da prodotti molto nutrienti e deve invece escludere l’assunzione di tutto ciò che può essere potenzialmente tossico per il nostro organismo.

Una buona mossa può essere quella di incrementare gli alimenti ricchi di magnesio, come i piselli, le arachidi e il cacao.

Oltre ad un’alimentazione più sana e “tonificante”, per combattere la stanchezza continua ci si può affidare ai tanti prodotti che gli utenti possono reperire facilmente in farmacia.

Ci sono molti integratori che riescono a fornire un grosso contributo alla persona che non riesce proprio a togliersi di dosso quella spossatezza che la accompagna dal risveglio al momento in cui si va a dormire.

In alternativa, contro debolezza e stanchezza continua, ci si può affidare anche ad altri rimedi, come quelli fitoterapici: pensiamo ad esempio al ginseng, che riesce a stimolare positivamente l’organismo e aumenta la capacità di resistenza a tutti i fattori ambientali negativi.

Per la stanchezza continua ottimi i Fiori di Bach

Un altro rimedio molto utilizzato nei periodi di stanchezza continua, astenia e spossatezza è quello dei Fiori di Bach, ovvero delle piccole gocce (acquistabili in qualsiasi erboristeria) che ristabiliscono l’equilibrio fisico e psichico.

In aggiunta, come accennato anche in precedenza, la persona affetta da stanchezza continua deve necessariamente aumentare la sua attività fisica, in modo tale da svegliare muscoli e cervello.

Infine, una disciplina come lo yoga è senza dubbio una buona idea per rilassare e tonificare il nostro corpo.

Lo stile di vita

Molto importante, per rimediare alla stanchezza continua, è puntare sullo stile di vita.

In generale dovresti avere cura di rivedere le tue abitudini.

Per esempio, per quanto riguarda il consumo dei pasti, invece di fare due o tre pasti abbondanti, dovresti preferire cinque o sei spuntini giornalieri.

In questo modo avrai sempre costanti i tuoi livelli di energia e puoi evitare la sonnolenza tipica del dopo pranzo.

Quante volte ti è capitato di dire “ho sempre sonno“.

Dovresti allora puntare sul migliorare la qualità del tuo sonno e dormire un numero di ore a sufficienza che corrispondono a circa sette o otto ore per notte.

Per favorire il riposo notturno, cerca di ridurre il consumo di caffeina e di alcol.

Idratati a sufficienza, bevendo circa un litro e mezzo al giorno di acqua.

In alcuni casi infatti la stanchezza fisica può essere legata anche alla disidratazione.

Potrebbe essere necessario anche perdere peso, se hai qualche chilo di troppo, ed esporti ogni giorno alla luce del sole all’aria aperta.

L’esposizione al sole è molto importante, perché stimola la produzione di ormoni da parte dell’organismo e contribuisce a regolare i ritmi circadiani.

In questo modo durante il giorno sarai attivo e di notte riposerai meglio.

Anche l’attività fisica praticata con regolarità può essere fondamentale per aumentare il livello di energia a tua disposizione.

Altri rimedi naturali

Certe volte si tratta di una stanchezza continua che coinvolge soprattutto a livello fisico, provocando stanchezza alle gambe, dolori muscolari diffusi e debolezza muscolare, oltre che chiaramente una stanchezza mentale che stenta ad andare via.

Allora in questi casi possono essere utili alcuni rimedi naturali.

Ad esempio ti consigliamo di utilizzare l’olio essenziale di menta piperita (ne bastano 50 gocce) e l’olio essenziale di rosmarino, di cui puoi utilizzare 20 gocce mescolate a 100 ml di olio vegetale.

Con la soluzione che hai ottenuto, mettendo insieme questi ingredienti, pratica un delicato massaggio alle tempie, per favorire il rilassamento.

Inoltre sfrutta tutte le proprietà del rosmarino, che è un utile tonico.

Preparati una tisana a base di questa erba.

Metti un cucchiaio di rosmarino in mezzo litro di acqua bollente e lascia in infusione.

Filtra e, dopo che il liquido è diventato tiepido, bevi la tisana, dolcificando con un cucchiaio di miele.

Cerca anche le soluzioni piuttosto facili e immediate: quando ti senti troppo stanco, esponiti qualche minuto all’aria fresca e respira profondamente.

È un’azione molto utile, che serve a rifornire il cervello dell’ossigeno di cui ha bisogno.

Subito ti sentirai già meglio e sicuramente meno stanco.

Pratica questa soluzione semplice e immediata non soltanto quando fa caldo, ma in tutte le stagioni, anche in inverno.