Come coltivare i pomodori nell’orto

129
come coltivare i pomodori nell'orto

Come coltivare i pomodori nell’orto?

I pomodori sono uno degli ortaggi più amati da grandi e piccini.

Sarà per la loro versatilità, poiché in cucina vengono utilizzati per un gran numero di ricette, impiegati per preparare primi o utilizzati come semplice contorno.

Sarà anche per il loro gusto dolce e delicato che arricchisce ogni pietanza in cui vengono usati.

Infatti anche la semplicità di utilizzo fa in modo che vengano molto utilizzati: bisogna semplicemente sciacquare i pomodori con dell’acqua e tagliarli in vario modo per arricchire insalate, bruschette, pasta oppure per preparare deliziosi centrifugati con frutta o verdura.

Insomma, il pomodoro è proprio uno degli ortaggi immancabile sulle nostre tavole e che, con il suo gusto, accontenta ogni palato.

Proprio perché dei pomodori se ne fa un grande utilizzo, in molti decidono di coltivarli direttamente nel proprio orto.

Ma come fare l’orto? Come coltivare i pomodori nell’orto?

Dal momento che si è sempre più attenti alla provenienza della frutta, della verdura e degli ortaggi, quale soddisfazione più grande di utilizzare pomodori provenienti dal proprio orto personale?

Le diverse varietà di pomodori da coltivare

Innanzitutto, per coltivare pomodori, occorre distinguere fra le diverse varietà di pomodori presenti in Italia:

  • pomodori a grappolo, sono quelli che si possono acquistare durante tutto l’anno e che si prestano a numerose ricette (per condire le bruschette o per preparare le conserve);
  • pomodori San Marzano, sono i pomodori di forma allungata spesso impiegati per realizzare passate di pomodoro;
  • pomodori cuore di bue, con la loro forma caratteristica sono ideali per condire le insalate;
  • pomodori insalatari, spesso si trovano in commercio anche di colore verde e con il loro sapore più aspro ben si sposano con le insalate;
  • pomodori ciliegini, sono i più dolci e piccoli ideali oltre che per le insalate anche per preparare i propri antipasti.

Come coltivare i pomodori nel proprio orto

Come coltivare i pomodori nell’orto?

La pianta del pomodoro deve essere piantata nell’orto nel posto in cui c’è più sole, poiché ha bisogno di calore e di luce.

Dal proprio vivaista possono essere acquistate le piantine da posizionare direttamente nella terra.

Il terreno deve essere ben preparato e arricchito con sostanze nutritive (almeno 2 kg e mezzo di letame maturo, che può fungere da concime per pomodori, per ogni metro quadrato di terreno).

Il terriccio deve essere anche ben irrigato ma, come per ogni pianta, è indispensabile evitare i pericolosi ristagni di acqua che possono contribuire a portare malattie alla pianta.

Se invece della piantina si vogliono seminare i pomodori, il periodo ideale è fra metà febbraio e metà marzo.

Per piantare pomodori sarà sufficiente scavare una piccola buca nel terreno e inserirvi circa tre semi: a questo punto, bisogna ricoprire con la terra (arricchita di concime) e innaffiare.

È importante lasciare fra una buca e l’altra almeno 50 cm di distanza per favorire la crescita delle diverse piantine di pomodoro.

Come prendersi cura dei pomodori nel proprio orto

Le operazioni più importanti per prendersi cura delle piante di pomodoro nel proprio orto dopo la coltivazione pomodori sono l’irrigazione e la concimazione, dopo la semina pomodori.

Per quanto riguarda la prima, è ideale innaffiare al mattino presto e dopo il tramonto.

Il terreno, infatti, deve rimanere sempre umido soprattutto quando fa più caldo.

Bisogna ricordarsi di innaffiare sul terreno e non su foglie e frutti.

Per quanto riguarda la concimazione, va fatta circa ogni settimana con dei concimi organici.

I pomodori spunteranno dopo circa tre mesi e si potranno cogliere non appena avranno assunto un colore rosso acceso (i pomodori insalatari possono essere raccolti anche quando hanno colore verde tendente al rosso).

Pomodori in vaso: suggerimenti utili

Abbiamo visto come coltivare i pomodori nell’orto, adesso passiamo alla coltivazione in vaso.

Come piantare i pomodori?

Forse non tutti sanno che sarebbe possibile coltivare anche i pomodori in vaso.

Tuttavia, prima di procedere in questo senso, è bene tenere presenti alcuni suggerimenti che possono risultare utili per una buona riuscita della coltivazione.

Innanzitutto devi considerare che i pomodori non amano affatto che ci siano ristagni d’acqua, una condizione che potrebbe verificarsi di frequente con la coltivazione in vaso.

Proprio per questo motivo ti conviene preparare bene il terriccio da mettere nel vaso.

Abbi cura in particolare di mettere uno strato di argilla espansa alla base, in modo da favorire il fluire dell’acqua e non creare ristagni.

Per rendere più facile la crescita puoi usare del compost biologico e puoi procedere ogni tanto con l’aggiunta di calcio.

Puoi fornire anche dei sostegni per le piantine.

Una buona idea anche se vuoi sapere come coltivare i pomodori nell’orto.

Un’idea sarebbe quella di mettere i vasi vicino ad una ringhiera, in modo che le piante possano appoggiarsi. I vasi non dovrebbero essere più piccoli di 30 centimetri di diametro.

Le proprietà del pomodoro

È sempre molto benefico avere i pomodori con regolarità in tavola, perché questi ortaggi sono ricchi di molte proprietà che vanno a vantaggio della tua salute.

I pomodori contengono abbondanti quantità di licopene, una sostanza che agisce da antiossidante. È molto importante perché limita i danni causati nell’organismo dai radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cellulare.

I pomodori abbondano anche di vitamine e di sali minerali. Tra questi il fosforo, il ferro e lo zinco.

È ipoglicemizzante, soprattutto se in un pasto viene associato ad altri cibi come l’insalata e la cipolla e se viene consumato crudo.

Proprio per questa proprietà si può considerare una verdura essenziale nel caso in cui si soffra di diabete.

In particolare è stato messo in evidenza da alcuni studi che, grazie all’acidità e alla vitamina C, di cui il pomodoro abbonda, riesce a stimolare adeguatamente il fegato.

Tutto ciò fa bene all’organismo contro il diabete, perché la stimolazione del fegato determina un più facile consumo degli zuccheri, che in questo modo non si accumulano nel sangue, causando un innalzamento della glicemia.

Il pomodoro è ottimo anche per favorire la digestione, per stimolare l’appetito e per rigenerare i tessuti.

Non dovrebbe mai mancare sulla tua tavola, se vuoi contribuire ad un’alimentazione equilibrata che va a vantaggio della tua salute.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI SU ORTO E GIARDINO: LEGGI QUI